Dati finanziari Dati finanziari

Dati finanziari

La Trasparenza passa dai nostri numeri

                                                

L’anno che abbiamo lasciato alle spalle ci ha visto fronteggiare numerose sfide. Il nostro Gruppo ha operato all’interno di dinamiche economiche complesse, con una prima parte dell’esercizio ancora impattata dalle conseguenze della di"usione della pandemia globale del Covid 19 e dal febbraio 2022 dagli eventi legati all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Da un lato abbiamo registrato complessità in particolare in merito alla catena logistica, dall’altro abbiamo visto crescere le dinamiche inflattive. Una congiuntura che ha peggiorato la già di#cile situazione globale legata alla scarsità dei materiali, all’aumento generalizzato dei costi degli stessi e dell’energia. Tutti fattori che hanno richiesto importanti sforzi ed hanno impattato sulla nostra capacità di superare i già buoni risultati economico-finanziari raggiunti.

Nonostante tale scenario il Gruppo anche nel 2022 ha continuato a crescere, anticipando nei volumi le previsioni del Piano Strategico 2021-2025. È stato possibile grazie alla solidità dei nostri mercati di riferimento, agricoltura e movimento terra in testa, ma soprattutto grazie alla capacità di o"rire ai nostri clienti soluzioni sempre più tecnologiche e in grado di migliorare l’e#cienza dei veicoli su cui trovano applicazione. Andando ai numeri, l’esercizio 2022 vede il fatturato superare i 760 milioni di Euro, in crescita del 18,3% rispetto al 2021, con un Ebitda pari a 59 milioni di Euro in incremento del 7%. Tali risultati avrebbero potuto essere anche migliori se la catena di fornitura fosse stata in grado di sostenere l’incremento della capacità produttiva dei nostri stabilimenti.

Tra i fatti più rilevanti dello scorso anno l’avvio produttivo a Maniago (Siap) dei nuovi assali per il fuoristrada INEOS Grenadier e quello contestuale a Rovigo (Agritalia) dei trattori specializzati a marchio John Deere, Massey Ferguson, Claas e Valtra con motorizzazioni legate alla nuova normativa europea Stage V per emissioni di motori diesel. A supporto di questa nuova fase di sviluppo abbiamo investito lo scorso anno quasi 42 milioni di Euro, in deciso incremento rispetto ai 31 milioni del 2021. Una scelta strategica fondamentale per garantire la capacità produttiva e lo sviluppo tecnologico per soddisfare le richieste dei mercati.

L’ampliamento delle attività industriali Carraro sta avvenendo oggi tenendo nella massima considerazione un approccio sostenibile con una particolare attenzione al nostro impatto ecologicoambientale. Di qui gli investimenti fatti presso lo stabilimento di Campodarsego in impianti tecnologicamente evoluti ed altamente efficienti, in grado di ottimizzare i consumi energetici e di migliorare sensibilmente la flessibilità delle aree produttive. Si pensi ad esempio al nuovo impianto di verniciatura robotizzato a basso impatto recentemente avviato proprio all’interno della nostra sede principale. Ma si pensi soprattutto al nuovo Piano Energia di Gruppo finalizzato ad attivare nuovi sistemi di autoproduzione e soluzioni di approvvigionamento, importanti miglioramenti nella diminuzione dell’impatto dei nostri processi e riduzioni dei consumi a livello di plant.

Oggi rimane al centro, come sempre, la solida relazione in essere con i nostri clienti, a livello globale. Ciò è possibile grazie alla capacità del Gruppo di investire in modo costante in Ricerca e Innovazione. Nel 2022 oltre abbiamo impegnato in R&D oltre il 4% del nostro fatturato, con un focus particolare nello sviluppo di sistemi di trasmissione tecnologicamente evoluti e trattori specializzati destinati a mercati dalle grandi potenzialità di sviluppo. Ben 30 i progetti messi a terra dalle nostre 220 persone dei centri R&D nel mondo lo scorso anno. Basti qui citare, a titolo di esempio, le trasmissioni agricole di piccola potenza (fino a 75 HP) dedicate a trattori elettrici o le trasmissioni per trattori con potenza superiore (fino a 130 HP) e quelle a variazione continua (CVT). O ancora le nuove gamme di assali per mietitrebbie, per trattori di media potenza o gli assali a portale, prevalentemente utilizzati nel passaggio da trattori a due ruote motrici (2WD) alle versioni a quattro ruote motrici (4WD) in India o altri mercati emergenti. Inoltre pari impegno è stato profuso nell’ambito movimento terra, si ricordino le nuove trasmissioni compatte per piattaforme aeree, settore dalle importanti potenzialità, o i nuovi assali per carrelli telescopici destinati tanto al mercato nordamericano quanto a quello europeo. In tale contesto una menzione speciale merita il nuovo concetto di trasmissione modulare “THE” (Transmission Hydrostatic Electric), sviluppata nel corso del 2022 e presentata con ottimi riscontri in occasione di fiere internazionali. Una soluzione davvero innovativa, che consente ai costruttori (OEM) di poter allestire i propri veicoli o in versione idrostatica o in versione elettrica senza dover apportare varianti al telaio. Ed è proprio nell’ambito dell’elettrificazione che stanno crescendo, passo dopo passo, le nostre competenze.

Si pensi ai componenti speciali che stiamo realizzando per nuove gamme di camion elettrici ad elevata tecnologia, oppure allo sviluppo di trasmissioni destinate a trattori agricoli a impatto zero. In coerenza con tale percorso nel dicembre 2022 abbiamo siglato con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) un contratto di finanziamento da 32 milioni di Euro finalizzato da un lato a sostenere i progetti di Ricerca e Sviluppo con un occhio di riguardo alla transizione ecologica e dall’altro a supportare la trasformazione digitale del Gruppo. D’altra parte accanto allo sviluppo dei prodotti, non possiamo non porre l’accento anche sull’evoluzione dei nostri processi interni, che stanno vivendo in pieno una fase importante di cambiamento. Con questo non voglio meramente far riferimento alla dematerializzazione di alcune attività analogiche, ma intendo riferirmi ad una reale evoluzione che ogni giorno sta avvenendo nel nostro Gruppo. Perché non si tratta più, come si poteva intendere un tempo, di una materia che ha solo a che fare con l’ambito Information Technology. Qui siamo davvero di fronte ad un percorso di cambiamento del nostro mindset ad ampio spettro.

Il cambiamento è nei Valori e nel DNA Carraro, da sempre. Come da sempre è il nostro capitale umano a fare la di"erenza. Di qui sono nati importanti percorsi di formazione continua, tanto per le persone legate alla produzione quanto per chi lavora negli u#ci. Di qui anche l’avvio di numerose iniziative dedicate alle persone in coerenza con il percorso di crescita sostenibile che abbiamo intrapreso. Sto pensando, ad esempio, ai programmi di sensibilizzazione all’inclusione. Tra tutti mi piace citare qui il piccolo progetto avviato con l’Associazione Down Dadi di Padova, una realtà molto interessante che mette al centro persone con disabilità. Si è partiti da un intenso e partecipato spettacolo teatrale, dedicato ai nostri collaboratori, che ha visto sul palco attori con sindrome di down. Un’occasione per toccare con mano e comprendere il valore della diversità attraverso un evento davvero prezioso. E questo è stato solo un primo passo perché prossimamente saranno proprio alcune persone Carraro ad essere coinvolte in un percorso di formazione esperienziale assieme alle ragazze e ai ragazzi di Down Dadi. Un’esperienza di grande impatto che sono certo lascerà il segno.

Come già in altre occasioni, chiudo questa mia nuova lettera con il pensiero rivolto alle collaboratrici e ai collaboratori del Gruppo che mai come oggi sono al centro un’importante fase evolutiva. Ogni giorno vedo crescere una nuova consapevolezza nelle nostre persone. Una consapevolezza fondamentale per fare un passo in avanti, insieme, pronti ad a"rontare i cambiamenti necessari per affrontare al meglio ogni scenario che ci si presenterà davanti. Pronti a costruire assieme il futuro della Carraro che verrà.

Enrico Carraro
Presidente