Dati finanziari

Dati finanziari

La Trasparenza passa dai nostri numeri

Chiudiamo un ulteriore esercizio in crescita, rafforzando i nostri volumi e, soprattutto, migliorando significativamente la nostra marginalità. Questo successo è stato ottenuto nonostante un contesto mondiale complesso, caratterizzato da un panorama geopolitico in costante evoluzione che influisce sui nostri mercati di riferimento e sulle catene di approvvigionamento globali.

Alla guerra nella vicina Ucraina, che negli scorsi anni ha causato un significativo aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime, si sono sommati i recenti scontri in Medio Oriente. Questi ultimi hanno provocato notevoli disfunzioni logistiche nell’area del Canale di Suez. 

Entrambe situazioni dai contorni incerti e che continuano determinare fibrillazioni all’interno dei nostri settori di riferimento. Tale instabilità sta inoltre impattando in modo significativo sulla crescita dei tassi di interesse. Si tratta evidentemente di fattori esogeni su cui ben poco possiamo fare se non monitorare la situazione ed alzare al massimo il livello di attenzione in modo da prevenire eventuali conseguenze sui nostri business. 

Il 2023 si conferma dunque, nonostante tali premesse, come un anno molto positivo, con un fatturato che ha oltrepassato gli 845 milioni di Euro e, cosa ancora più rilevante, con un notevole incremento della marginalità, testimoniato da un EBITDA di 81 milioni di Euro, in crescita del 43% rispetto all’anno precedente. Questi risultati sono il frutto di un lavoro di squadra che ha permesso al nostro Gruppo di accrescere le quote di mercato attraverso un’offerta che ha incontrato le aspettative dei clienti. 

Grazie agli investimenti strategici degli ultimi anni, abbiamo potenziato la nostra capacità industriale, raggiungendo un livello di marginalità che segna un miglioramento significativo rispetto al passato. In virtù di questi successi, nel 2024 continueremo a mantenere elevato il livello di investimenti, allocando ulteriori 50 milioni di Euro a rafforzare ulteriormente la capacità produttiva e promuovere lo sviluppo tecnologico, portando il totale degli investimenti del Gruppo a 185 milioni di Euro nel quadriennio 2021-2024.

Andando nel dettaglio dell’esercizio che ci lasciamo alle spalle, sono tre gli elementi chiave di successo su cui mi piace focalizzare questa lettera. 

Per prima cosa, rimane fondamentale la relazione con i nostri Clienti. Anche negli anni più sfidanti, siamo sempre stati in grado di mantenere e rafforzare i rapporti in essere con i nostri partner, lavorando al loro fianco per sviluppare soluzioni sempre più mirate. Ed oggi stiamo raccogliendo i risultati del nostro lungo impegno. 

A testimonianza di tale solida vicinanza basti citare alcuni dei riconoscimenti più importati ottenuti nei mesi scorsi, quali il Caterpillar Supplier Excellence Recognition ricevuto da Carraro India e da Carraro China o il Mahindra & Mahindra Superior Performance Award ottenuto da Carraro India, o ancora il Manitou Ecoboost Gold Award ricevuto da Carraro Drive Tech per soluzioni tecnologiche a basso impatto e il duplice riconoscimento di Escorts Kubota a Carraro India per 40 Years of Partnership e come Best Spare Parts Supplier

Negli incontri che abbiamo avuto in occasione dell’ultima Agritechnica di Hannover, il più importante evento al mondo dedicato alla meccanizzazione agricola, abbiamo registrato davvero un notevole interesse nei confronti delle soluzioni Carraro, sia per quelle più tradizionali, sia per i nuovi sviluppi a trazione elettrica. Tra tutte basti citare la nuova linea di trasmissioni "THE", sviluppata per soddisfare le più diverse esigenze di un'ampia varietà di applicazioni quali sollevatori telescopici, terne, pale e pale compatte e escavatori gommati, che già ha ottenuto ottimi riscontri nei precedenti eventi globali anche nel settore construction equipment. In Agritechnica abbiamo inoltre avuto modo di presentare il rinnovamento della nostra gamma di trasmissioni agricole, estesa nelle potenze e integrata con i più evoluti principi di efficienza e sostenibilità grazie a tecnologie all’avanguardia per il settore (AG+ Line). Abbiamo dato prova di un posizionamento di leadership chiaro all’interno di un mercato sempre più sfidante. E soprattutto abbiamo messo in luce il risultato della nostra accelerazione verso tecnologie avanzate, progettate per macchine di nuova concezione. 

Il secondo aspetto che desidero sottolineare è la forte spinta che stiamo continuando ad imprimere, già da diversi anni, ad una profonda trasformazione digitale del nostro Gruppo. L’obiettivo è accelerare il cambiamento in tutta l’azienda, dai processi gestionali a quelli produttivi.

In tale contesto, la nuova frontiera verso cui oggi ci stiamo muovendo è quella di conoscere e sfruttare al meglio le potenzialità dell’Intelligenza Artificiale (IA). Consapevoli delle enormi opportunità che ciò potrà determinare per un più efficiente funzionamento dei nostri processi e per un più rapido sviluppo dei nostri prodotti, stiamo lavorando al fianco di importanti competence center e realtà universitarie, ottenendo finanziamenti mirati, pubblici e privati, che si aggiungono a quelli già posti in essere dal nostro Gruppo e che ci consentiranno di accelerare questo percorso evolutivo. 

Grazie all’intelligenza artificiale sarà possibile farci supportare dalla tecnologia nelle attività ordinarie, puntando sulla valorizzazione della professionalità delle persone Carraro con un contestuale miglioramento nella qualità e nell’efficienza della nostra capacità di dare risposte agli stakeholder.

Ciò non può avvenire se non con una parallela maturazione di una “consapevolezza digitale e tecnologica” delle persone Carraro ad ogni livello che saranno sempre più coinvolte in percorsi di formazione dedicati in modo da consolidare una nuova cultura digitale. 

Ed è proprio il capitale umano il punto cardine del nostro Gruppo. Perché sono e saranno sempre le nostre persone a fare la differenza: quelle che ci sono state, quelle che ci sono e quelle che verranno. 

A partire dallo scorso esercizio e più ancora nel 2024, abbiamo posto la Persona al centro di un percorso evolutivo. Ciò sta avvenendo grazie ad un importante ed ampio progetto di Human Capital Management che ci porterà da un lato a valorizzare ancora di più chi lavora in Carraro con un approccio moderno e strutturato e dall’altro a rendere il nostro Gruppo ulteriormente attrattivo per le nuove generazioni di talenti che si uniranno a noi. Come prova del nostro impegno in tal senso, nel 2023 abbiamo dedicato oltre 35.000 ore alla formazione delle nostre persone con i percorsi delle nuove Academy for Professional e Carraro Business School. 

Nel fare questo percorso, ci baseremo sui nostri Valori che sono stati i punti cardinali che ci hanno sempre guidato in ogni fase della vita del nostro Gruppo: nei momenti di crescita ed anche, e soprattutto, di fronte alle sfide che ci siamo trovati ad affrontare. 

I Valori Carraro sono imprescindibilmente connessi ad un’altra evoluzione che stiamo vivendo: quella verso un modello di business pienamente Sostenibile. Oggi la Sostenibilità sta progressivamente entrando in ogni nostra attività e processo, in un’unica visione di sviluppo che ci vede al fianco dei nostri partner. Questo rappresenta un piano di azione condiviso a cui tutti possiamo contribuire. Che si tratti di ridurre le emissioni di CO2, di promuovere l'uguaglianza di genere nei luoghi di lavoro o di contribuire alla creazione di comunità sostenibili, ogni azione che facciamo è un passo verso un mondo migliore. Il nostro impegno su questo fronte è crescente e lo si può leggere nel dettaglio all’interno del nostro Bilancio di Sostenibilità, che è diventato strumento imprescindibile per una completa valutazione dell’attività del nostro Gruppo non solo in termini economici e che viene pubblicato contestualmente all’Annual Report. 

Concludendo questa lettera, guardo con ottimismo all’esercizio in corso. 

Nel 2024, infatti, a fronte di un previsto rallentamento dei nostri mercati principali, già registriamo progressi in specifiche aree geografiche e in nuove linee di prodotto accanto all’acquisizione di nuovi clienti nei settori tradizionali. 

Pur all’interno di uno scenario complesso, dunque, ci aspettiamo un incremento del margine operativo del Gruppo, preparando il terreno per una nuova fase di crescita sostenuta anche dai rilevanti investimenti effettuati nel corso degli anni con una prospettiva di lungo termine.

Enrico Carraro
Presidente