Sostenibilità

Sostenibilità

Le nostre scelte sono sempre state guidate dagli stessi Valori che ci hanno consentito di crescere dalla fondazione ad oggi

Lettera agli stakeholder

Nessun uomo è un’isola
Completo in sé stesso
Ogni uomo è parte della terra
Una parte del tutto
Se una zolla è portata via dal mare
L’Europa risulta essere più piccola
Come se fosse un promontorio
Come se fosse una proprietà di amici tuoi
Come se fosse tua
La morte di ciascun uomo mi sminuisce
Perché faccio parte del genere umano
E perciò non chiederti
Per chi suoni la campana
Suona per te

John Donne (1624)

Sarebbero sufficienti questi versi per sintetizzare il significato più profondo della trasformazione CSR che sta cambiando il modo di gestire e valutare, le aziende in tutto il mondo. In più occasioni ho affermato che il CSR rappresenta una straordinaria opportunità di sviluppo e crescita per la nostra azienda, ma alla base di questa svolta epocale c’è la necessità di risposte e azioni, immediate e di lungo termine, alle sfide che l’umanità deve affrontare. Sia individualmente che collettivamente, come entità sociali, istituzioni, partiti politici, aziende e quant’altro. Azioni e risposte che sono inerenti a tre macro-aree rappresentate dalla sigla ESG.

E = Environment. Il cambiamento climatico è evidente e provato, e gli effetti sono visibili a tutti noi. L’Earth Overshoot Day (il giorno in cui l’umanità consuma le risorse terrestri disponibili in un intero anno) si sta via via anticipando: nel 2023 fu il 2 Agosto, nell’anno in corso è previsto ancora prima. L’inquinamento di aria, acqua e suoli è analizzato sempre più in dettaglio e scientificamente messo in correlazione con gli effetti negativi generati su biodiversità e salute umana. Tutto ciò, e molto di più, chiede decisioni e azioni forti e immediate: l’obiettivo è ridurre/razionalizzare i nostri consumi, ma anche sviluppare nuove tecnologie che taglino drasticamente le emissioni di C02, fino ad arrivare alla carbon neutrality come previsto dal Green Deal dell’Unione Europea. Quindi anche il gruppo Carraro nell’anno passato ha continuato ad investire ad ogni latitudine in nuove tecnologie produttive, ma anche in autoproduzione energetica, per rendere sempre meno impattanti i nostri processi. Sono stati destinati ingenti capitali per lo sviluppo di nuovi prodotti che permettano ai nostri clienti di avere veicoli sempre meno inquinanti. Investimenti virtuosi che incidentalmente ci aiuteranno anche a ridurre i nostri costi di produzione e a conquistare nuovi mercati. 

S=Social. A livello globale sono profondamente mutate le aspettative di ogni lavoratore nei confronti della propria azienda. Stipendio e posto fisso non sono più i parametri esclusivi con cui le persone ci considerano, ma temi come il bilanciamento vita-lavoro, welfare, salute e sicurezza, inclusione, lavoro femminile, gender pay gap e altri sono diventati prioritari nelle scelte professionali. Come Gruppo ne siamo consapevoli da lungo tempo e ci impegniamo perché i nostri luoghi aziendali siano rispettosi delle persone che ci lavorano. Carraro si è perciò impegnata, anche nel 2023, a promuovere nuove forme di lavoro, a migliorare dal punto di vista salute e sicurezza i nostri siti, a incrementare l’occupazione femminile e a integrare nella nostra comunità i colleghi stranieri. Incidentalmente potremo avere collaboratori più soddisfatti a beneficio della produttività, e potremo attirare i migliori talenti nella nostra azienda. Il capitale umano è al centro del nostro Business Journey, per cui abbiamo continuato nel 2023 ad investire cifre significative in attività di formazione per le nostre persone (anche attraverso Carraro Academy e Carraro Business School) e ci siamo impegnati a sostenere realtà scolastiche locali. Altrettanto importante è l’impatto che le nostre aziende hanno nei rispettivi territori, nei quali è rimasta alta l’attenzione verso situazioni sociali di fragilità che abbiamo cercato di supportare. Abbiamo puntato ad avvicinare le comunità alle nostre fabbriche, come ad esempio con lo splendido Open Factory di novembre nella sede di Campodarsego. Infine, durante la pandemia, abbiamo capito quanto sia importante la cultura per tutti noi, quindi, anche nell’anno trascorso abbiamo sostenuto diverse iniziative di enti o associazioni culturali.

G = Governance. La trasparenza nei confronti di tutti i nostri stakeholder è da sempre stata al centro del nostro operare: azionisti, lavoratori, clienti, fornitori, istituzioni finanziarie, fisco, per citare i principali. Quindi: conduzione strategica dell’azienda ben elaborata, condivisa e comunicata; gestione finanziaria prudente ed evidente a tutti; prevenzione di abusi e corruzione sono scelte gestionali che hanno caratterizzato la nostra azienda, e continueranno a farlo. Incidentalmente un’azienda ancora più trasparente attirerà nuovi investitori, istituzioni finanziarie, clienti e talenti. Particolare attenzione continuerà ad essere posta alla gestione dei rischi, visti gli impatti negativi che possono generarsi in un mondo sempre più turbolento (guerre, cambiamento climatico, cyber crime, interruzione della supply chain, ecc.) e mettere a rischio la stabilità della nostra impresa.

Tornando al poeta e riadattandone le splendide parole potremmo dire: non chiediamoci perché i ghiacciai si stanno sciogliendo, li stiamo sciogliendo noi. Dobbiamo perciò porvi rimedio e il gruppo Carraro col suo programma CSR è in prima linea su tutti questi fronti.

Tomaso Carraro
Vicepresidente
Chief CSR Officer


Il nostro percorso strutturato in materia di sostenibilità è stato avviato nel 2017, con la prima rendicontazione sullo stato di avanzamento dello sviluppo del modello CSR del Gruppo. Questo percorso prosegue nel 2023, conservando la consapevolezza che anno dopo anno portiamo avanti il testimone di un’azienda che punta allo sviluppo sostenibile. È un’evoluzione partita già da molto prima, fin dalle origini di Carraro, e ben rappresentata dai Valori che orientano la visione e la strategia del Gruppo, i principi sanciti nel Codice Etico e le Politiche in tema di Sostenibilità (Qualità, Diritti Umani, Ambiente e Salute e Sicurezza, Diversità e Anticorruzione). Elementi, tutti, apertamente condivisi secondo l’idea di trasparenza ed etica che contraddistingue il nostro approccio al business. 

Nel 2023 l’impegno responsabile del nostro Gruppo si è tradotto, fra le numerose iniziative formative, in un progetto d’aula in tema di diversità, per la prevenzione della violenza di genere, coinvolgendo senza gerarchie e distinzioni di genere, figure aziendali apicali, manageriali e operative; o nella rivisitazione di un presidio fondamentale in ottica di tutela interna, il canale whistleblowing, in grado di garantire alla nostra azienda una capacità di risposta tempestiva ad eventuali comportamenti irregolari rilevati; o ancora, rispetto al nostro radicamento sul territorio con uno sguardo al futuro,  con l’adesione al “Gruppo Sostenibilità 2023-2024” promosso da Confindustria Veneto Centro, consapevoli dell’importanza della condivisione di best practice e idee innovative che può nascere dal confronto con altre realtà virtuose della nostra comunità.

L’impegno Carraro si traduce non solo nella ricerca di un miglioramento continuo dei processi interni e dei prodotti ma anche nel mantenimento di quanto di positivo raggiunto fino ad ora. In questo senso si confermano certificazioni quali la ISO 45001 per la gestione della Salute e Sicurezza sui luoghi di lavoro, la ISO 14001 per la Gestione Ambientale, presidi di gestione della qualità quali la ISO 9001 e la IATF 16949 specifica del settore Automotive, e l’Autorizzazione Operatore Economico per la conduzione dei processi di dogana. A queste si aggiungono attestazioni riconosciute quali i rating ESG Ecovadis e CDP – Carbon Disclosure Project in tema di cambiamento climatico. Tali risultati, che vogliamo continuare ad estendere alle nostre sedi che non ne sono dotate (es. nel 2023 il perimetro dei siti certificati 45001 si è ampliato), hanno visto l’importante aggiunta, nel 2023, di due ulteriori traguardi: il nostro stabilimento cinese, primo nel Gruppo, ha ottenuto la certificazione ISO 50001 per i Sistemi di gestione dell’Energia, e la capogruppo Carraro S.p.A. ha ricevuto per la prima volta il Rating di Legalità, con il punteggio massimo (3 stelle su 3).

Nella progettazione e realizzazione dei prodotti Carraro, in linea con i trend di mercato, riserviamo particolare attenzione e cura alla mitigazione degli impatti. Cardini in tal senso sono l’efficientamento dei processi, la scelta e l’uso dei materiali, la gestione intelligente delle soluzioni adottate, la digitalizzazione dei processi in ottica di “snellimento” e quindi di prontezza ed efficacia nel prendere decisioni e l’introduzione di tecnologie performanti, in grado di perseguire il risparmio energetico e la decarbonizzazione; un esempio è l’avvio del progetto, nel 2023, di incremento della capacità di autoproduzione di energia da fonti rinnovabili dei plant manifatturieri, aumentando la quantità disponibile per il consumo e riducendo le emissioni generate e i costi di acquisto. Accorgimenti, tutti, che ci permettono di mantenere un rapporto di fiducia costante con i nostri clienti – player di prim’ordine in vari settori – che sottopongono i processi e i prodotti Carraro a valutazioni e audit regolari, confermandoci come fornitori in grado di mantenere alti i nostri standard qualitativi.

Questo approccio è adottato ugualmente verso la nostra catena di fornitura, presidiata secondo fattori produttivi, responsabilità nella conduzione del business e criteri di prossimità, preferendo i fornitori locali per limitare l’impatto emissivo del trasporto delle merci.

Nei confronti della nostra comunità non sono mancate le occasioni di crescita e condivisione, anche nel 2023: la creazione di momenti di incontro e scambio con scuole e organizzazioni locali; il sostegno ad iniziative sportive, culturali, anche a supporto di persone fragili o che subiscono discriminazioni; e impegnandoci in prima persona in eventi di sensibilizzazione in tema di salute o empowerment femminile, anche grazie alla presenza di testimonial qualificati e mettendo a disposizioni gli ambienti aziendali.

L’approccio che abbiamo scelto e adottato, e in parte raccontato fino a qui, non costituisce un punto d’arrivo ma uno stimolo continuo e necessario al progresso responsabile e sostenibile di quello che il nostro Gruppo è e fa, in un contesto globale in evoluzione continua e dove ad ogni attore è chiesto di fare la propria parte.

Andrea Conchetto
Chief Executive Officer

Per maggiori approfondimenti consulta il nostro CSR report.