Carraro esce dal fotovoltaico: ceduto a Enertronica il controllo di Elettronica Santerno

Completata la riorganizzazione il Gruppo ora può concentrarsi sul core business dei sistemi di trasmissione avanzati e dei trattori

Milano, 3 novembre 2016 – È stato siglato oggi a Milano un contratto che prevede l’ingresso al 51% di Elettronica Santerno SpA, società del Gruppo Carraro specializzata nell’elettronica di potenza, da parte di Enertronica SpA, società operante nel settore delle energie rinnovabili, del risparmio energetico e nella progettazione e produzione di sistemi elettromeccanici (quotata alla Borsa di Milano – AIM Italia).

“Con l'uscita di Santerno dal perimetro di consolidamento del Gruppo si completa in modo definitivo il nostro percorso di riorganizzazione e di focalizzazione sul core business. Questo ultimo tassello ci consentirà di avere maggiore forza per crescere nei nostri principali mercati di riferimento, investendo soprattutto nello sviluppo di soluzioni tecnologiche per la meccanizzazione agricola. In tale modo potremo concentrarci dunque nei settori in cui stiamo registrando importanti recuperi soprattutto in termini di marginalità, confortati dai consensi dei più affermati costruttori mondiali di macchine agricole e movimento terra – commenta Enrico Carraro, Presidente del GruppoContestualmente a questa operazione daremo nuovo impulso alle attività di R&D Carraro, avendo maturato peraltro importanti competenze interne nell’elettronica a servizio della meccanica, di strategica importanza a supporto delle trasmissioni di nuova generazione”.

Elettronica Santerno entra nel Gruppo Carraro nel 2006 e nel giro di poco anni si attesta tra i leader di mercato nel settore degli inverter per applicazioni fotovoltaiche passando da 11,6 milioni di Euro fatturato ad oltre 140 milioni di Euro. La repentina crisi che si abbatte sul settore costringe a un rapido ridimensionamento dell’azienda, la cui struttura passa dai 250 dipendenti del 2010 ai 124 di oggi, ciò parallelamente alla forte diminuzione dei volumi che portano la società a un fatturato pari a 35 milioni di Euro. Negli ultimi anni i risultati della società hanno influito sul consolidato del Gruppo rendendo meno evidenti i risultati positivi di Drive Tech ed Agritalia.

Nel preferire Enertronica il Gruppo Carraro ha cercato un’operazione che potesse ridare sviluppo alla società che a tutt’oggi vanta soluzioni tecnologiche d’avanguardia riconosciute da una clientela internazionale.

Dettagli dell’operazione

Il contratto di investimento sottoscritto in data odierna prevede che Enertronica SpA acquisisca il 51% di Elettronica Santerno attraverso la sottoscrizione di un aumento di capitale sottoscritto in denaro per un importo di 2,25 milioni di Euro. L’aumento di capitale sarà esclusivamente dedicato al rilancio della società e ad investimenti in R&D.

Enertronica SpA avrà altresì la facoltà di incrementare la propria partecipazione in Elettronica Santerno di un ulteriore 9% attraverso la sottoscrizione di un’ulteriore tranche di aumento di capitale per un importo pari ad 1,0 Milioni di Euro entro il 31 Dicembre 2018.

Il Contratto disciplina, oltre che la governance di Santerno, anche i termini e le condizioni dell’exit di Carraro dopo un’iniziale periodo di 24 mesi di c.d. “lock-up” volto ad assicurare stabilità ad Elettronica Santerno e l’implementazione del Piano Industriale convenuto fra le parti.

La data di esecuzione del contratto è prevista entro il 15 dicembre 2016.

Carraro SpA è stata assistita dallo studio LMS in qualità di advisor legale e da Ethica Corporate Finance in qualità di advisor finanziario.

Vai al Comunicato stampa 03.11.2016

Allegati

Clicca sul file per scaricarlo

‹ Articolo precedente

Approvati dal CdA i risultati del terzo trimestre 2016

Il Gruppo torna in utile nel terzo trimestre per 2,1 milioni di Euro grazie ai benefici delle azioni di riorganizzazione intraprese negli ultimi anni.

Articolo successivo ›

Carraro, ulteriori precisazioni su Elettronica Santerno