Si completa il passaggio generazionale avviato nel 2012: Mario Carraro trasferisce ai figli Enrico e Tomaso il controllo di Carraro SpA.

Una scelta sulla strada della continuità, a supporto dei piani di crescita in essere.

Campodarsego (Padova), 8 agosto 2019 – Nella mattinata odierna Finaid SpA, holding che detiene il 35,395% del capitale sociale (pari al 50,495% dei diritti di voto) del Gruppo Carraro, ha comunicato che l’azionista di controllo, Mario Carraro, ha trasferito ai figli Enrico e Tomaso l’intera partecipazione da lui posseduta nella stessa ripartendone i diritti economici in modo paritetico ai figli Giovanni, Enrico, Tomaso e alla nipote Valentina.

Mario Carraro ha inoltre contestualmente trasferito ai figli Enrico e Tomaso azioni di Carraro SpA pari al 4,735% del capitale sociale (4,886% dei diritti di voto).

In tal modo ha assegnato ai figli Enrico e Tomaso, congiuntamente, il controllo di Carraro SpA con il 40,130% del capitale sociale e il 55,381% dei diritti di voto.

Mario Carraro ha conservato la titolarità di n. 600.000 azioni che esprimono 600.000 diritti di voto.

In ragione di ciò, Carraro SpA comunica che l’azionista Mario Carraro è sceso al 0,537% dei diritti di voto in Assemblea, e dunque di sotto della soglia del 5%, mentre Enrico e Tomaso Carraro congiuntamente sono saliti oltre il 50% dei diritti di voto.

“Oggi – commenta Mario Carraro nel comunicato di Finaid SpA – si completa il passaggio generazionale iniziato nel 2012 con la nomina alla guida del Gruppo di Enrico e Tomaso Carraro, rispettivamente Presidente e Vice Presidente.”

“Una scelta – prosegue Mario Carraro volta ad assicurare continuità nel controllo del Gruppo, garantendone il supporto ai piani di crescita a cui tutti guardiamo nei prossimi anni.”

La governance di Finaid SpA non cambierà. A fianco di Mario Carraro, che rimarrà Presidente, saranno i figli Enrico e Tomaso con Giovanni e Valentina oltre a Chiara Alessandri Carraro.

Ultima modifica: 12 agosto 2019