Incremento soglia 50% Enrico e Tomaso Carraro e riduzione sotto soglia 5% Mario Carraro

(Effettuata ai sensi dell’art. 113 ter, commi 1,2 T.U.F.; all’art. 12 Direttiva 2004/109/CE e agli artt. 65 septies, 117 e 118 n.3-bis Regolamento Emittenti)

Campodarsego (Padova), 12 Agosto 2019 – Carraro S.p.A. comunica che il socio Mario Carraro ha ceduto ai figli Enrico Carraro e Tomaso Carraro la titolarità delle proprie azioni in Finaid S.p.A., holding che detiene il 35,395% del capitale sociale di Carraro S.p.A., controllando pertanto il 50,495% dei relativi diritti di voto.

Inoltre, il Socio Mario Carraro ha trasferito ai medesimi figli Enrico e Tomaso la titolarità di n. 3.774.640 azioni di Carraro Spa, che esprimono n. 5.459.794 diritti di voto, per l’effetto del raddoppio del voto ai sensi dell’art. 5 dello Statuto e dell’art. 8 del Regolamento dell’Elenco Speciale di Carraro S.p.A, pari al 4,735% del capitale sociale, 4,886% dei diritti di voto.

In tal modo il Socio Mario Carraro ha trasferito ai figli Enrico e Tomaso, tra loro congiuntamente, il controllo di Carraro S.p.A.

Mario Carraro ha conservato la titolarità di n. 600.000 azioni che, non avendo ancora maturato il diritto al raddoppio, esprimono 600.000 diritti di voto, riservandosi altresì l’usufrutto sulle azioni cedute, con diritto di voto limitato alla sola assemblea straordinaria.

Per l’effetto, Carraro S.p.A. comunica, da un lato, che l’azionista Mario Carraro è sceso al 0,537% dei diritti di voto nell’Assemblea di Carraro S.p.A. e dunque di sotto della soglia del 5%; dall’altro lato, che i suoi figli Enrico Carraro e Tomaso Carraro hanno acquisito il 55,381% dei diritti di voto nell’Assemblea di Carraro S.p.A., superando in tal modo la soglia del 50%.


Ultima modifica: 12 agosto 2019